Site Loader
Vai alla pagina FB
Via Francesco Petrarca 48 Figline Valdarno (FI)
Via Francesco Petrarca 48 Figline Valdarno (FI)

Gratitudine. Molto spesso siamo immersi in spirali di dolore, fatiche, complicazioni, pessimismo, situazioni pesanti e non sappiamo come uscirne.

I nostri blocchi, pensieri ereditati, sofferenze vissute ci condizionano pesantemente e spesso la nostra visione della realtà ne risente fortemente. Non riusciamo a vedere altro.

Ci sono molti approcci che possono aiutarci in queste situazioni tra cui il perdono energetico e lo stare in presenza davanti alle difficoltà della nostra vita per trasmutarle in qualcosa che ci libera e ci espande.

Nello spazio che schemi e blocchi trasmutati liberano inseriamo però anche qualcosa di nuovo: amore e gratitudine.

Possiamo iniziare in qualsiasi momento, osservando e cercando le cose belle della nostra vita.

Le piccole e grandi sensazioni positive che ci piacciono ma che spesso non ci gustiamo perché con la mente impegnata dai problemi, dalle fatiche e dolori non le apprezziamo, ci sembrano piccolezze insignificanti.

Continuando ad osservare e concentrarci su ciò che non ci piace, su ciò che ci fa soffrire però è questi elementi che continueremo ad attrarre nella nostra vita.

Gratitudine

Dobbiamo perdonarli (in questa sede non approfondirò le possibili metodologie per farlo, rinviando ad un successivo articolo) e concentrarci sulle piccole cose che ci piacciono della nostra vita.

Possono essere anche piccole, il nostro ego le sminuirà, ma noi non guardiamo a come sono fatte.

Se sono piccole, brevi, veloci, instabili, ma alla sensazione positiva che possiamo provare quando le viviamo, tralasciando il resto…

Anche un campioncino, un tester è piccolo rispetto al prodotto intero però ci possiamo fare un’idea di ciò che è e delle sensazioni che ci dà.

Lo stesso è per la gratitudine, se davanti alle cose belle che abbiamo ci concentriamo su quelle e lì poniamo tutta l’attenzione cercando di sentirle, ascoltando la sensazione che ci danno.

Lasciandola fluire dentro di noi, i sentimenti che ci risvegliano nel presente e le sentiamo, le ascoltiamo, percepiamo la bellezza di farci abitare da esse.

Inizieremo a trovarne sempre di più e se sapremo sentirle e farle suonare dentro diventeranno ancor più frequenti e non avremo più paura che non ritorneranno.

Diventeranno il nostro polo di attrazione positivo che andrà a sostituirsi a quello negativo.

Ne godremo sempre di più e nuovi motivi ci arriveranno!

Non è uno sforzo mentale, ma qualcosa che sgorga dal cuore…concentriamoci non sulla cosa in sé ma sulla sensazione che ci dà, che è quella che desideriamo.

Ascoltare la sensazione e apprezzarla dentro di noi, questa è la gratitudine e sgorgherà spontanea dal nostro cuore.

Spesso una lista di cose belle che abbiamo, se non riusciamo ad apprezzarle e a goderne è un lavoro più mentale.

E ci possiamo anche sentire in colpa perché ne abbiamo tante di cose belle ma non riusciamo ad apprezzarle.

Capita, non siamo allenati, nessuno ci ha insegnato a farlo o a coltivare questa capacità dentro di noi.
Importante è sentirle, fargli spazio.

E nel frattempo aiutiamoci a vivere e ascoltare le sensazioni negative, le cose che ci fanno soffrire.

Lasciamole scorrere dentro di noi non rifuggiamole…si trasmuteranno da sole e facendolo perderanno sempre più di intensità!

Francesca Sfriso

Pin It

Post Author: Giuseppe Crispo

Lascia un commento