Site Loader
Vai alla pagina FB
Via Francesco Petrarca 48 Figline Valdarno (FI)
Via Francesco Petrarca 48 Figline Valdarno (FI)

Massaggio sonoro con campane tibetane

Massaggio sonoro

Il “massaggio sonoro” con campane tibetane è una tecnica largamente diffusa e molto apprezzata in tutta l’Europa centro-nord e negli Stati Uniti. Può fornire un grande aiuto alla stabilizzazione emotiva ed al conseguimento di un profondo stato di benessere. Ogni singola cellula del corpo venendo massaggiata dolcemente ed armonizzata riacquista la sua frequenza vibratoria naturale ritornando in ‘armonia’ con il resto del corpo e con l’universo.

Ascoltando il suono riattiviamo la nostra capacità innata di vivere l’equilibrio. L’armonia ed il rilassamento dell’organismo, in quanto, essendo il corpo umano composto in prevalenza di acqua, la vibrazione raggiunge ogni piccola parte del corpo.
Il principio della risonanza/consonanza, permette che il suono espandendosi con movimenti circolari, agisca sui blocchi energetici agevolandone lo scioglimento. 


Il Massaggio sonoro produce effetti su tutti i livelli: Fisico-Psichico-Spirituale. Grazie a questa pratica, ricca di suoni armonici, è possibile ristabilire le frequenze naturali del nostro corpo, dalle quali deriva il nostro benessere. Le frequenze armoniche delle campane portano immediatamente il corpo in risonanza, riuscendo a liberare blocchi e somatizzazioni.
Il corpo abbandona le tensioni muscolari facendo fluire l’energia che ristagna nella muscolatura contratta, liberando eventuali blocchi energetici. La mente si distende ed il cervello entra in uno stato di profondo rilassamento, producendo onde Alfa e Tetha.

Lo spirito, può connettersi alle frequenze armoniche generate da questi strumenti grazie al rilassamento della mente e del corpo. Può attingere alla conoscenza silenziosa insita in ognuno di noi.
Oltre all’utilizzo delle campane tibetane il massaggio sonoro prevede l’impiego di altri strumenti rituali (cimbali, ecc..) 


Ornella Corona -Naturopata-Counselor olistico-

Post Author: Giuseppe Crispo

Lascia un commento